MOUNA – Disconnect to Reconnect – Ritiro di Silenzio 27/29 luglio

Il Silenzio non è solo assenza di suoni: noi abbiamo infatti potere di “sentire” attraverso tutti gli organi di senso. Nel nostro mondo siamo iperstimolati. Siamo come un bicchiere di acqua torbida: le molecole di cui siamo fatti, sottoposte a troppi stimoli, mantengono uno stato confuso e disorganizzato. Quando siamo in Silenzio, invece, le nostre molecole cominciano a riarrangiarsi nel modo giusto e naturale. Se un uomo di una tribù entra nella foresta, è normale per lui rimanere in Silenzio: solo cosi sarà in grado di cogliere e di reagire prontamente a tutte le sollecitazioni esterne, non solo ai suoni. Per lui è una questione di sopravvivenza. Imparare il Silenzio è appunto imparare a reagire a tutti gli stimoli raccolti dai nostri organi di senso, non solo ai suoni e alle parole.
Il 27, 28 e 29 Luglio al Giardino di Kama a Cisternino proveremo a praticare il Silenzio. Cosa significa?
Per tre giorni, sarà richiesto di evitare di fumare, bere alcolici, avere rapporti affettivi e sessuali, parlare, guardarsi negli occhi, avere contatti con l’esterno, tenere orologi e telefoni. Saranno ammessi solo strumenti musicali, matite e fogli per scrivere o disegnare. Durante i tre giorni che precedono il ritiro bisognerà seguire una dieta vegetariana e praticare Thatwaka. I posti sono limitati. Ricorda: non sei obbligato a partecipare se ritieni di non poter sostenere queste rinunce o non ti senti pronto, magari non è questo per te il momento giusto.

Per informazioni e prenotazioni:
Ass. Tribalosophy 3487615199
Fb: Tribalosophy

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *